DIRE LA VERITÀ: le spiagge in ghiaia rispondono bene alla mareggiata da allerta arancione.

La grande maggioranza delle spiagge in ghiaia hanno risposto bene alla mareggiata di ieri, smorzando la forza dei marosi ed impedendo che gli stessi facessero danni alla litoranea ed alle abitazioni.

Tutte, diciamo, tranne la prima da nord, dove invece una gran quantità di sassi è stata scagliata pericolosamente sulla strada e dove l’acqua ha invaso la litoranea.

Quindi non sono le spiagge in ghiaia che non funzionano. È quella particolare spiaggia che necessitava e necessita di interventi immediati.

La prima cosa che si nota è che in quella spiaggia la gran parte della ghiaia si è spostata quasi tutta nella parte più a sud della cella, lasciando sguarnita la parte più a nord, come si vede dalla foto allegata. Questo forse anche a causa della presenza di uno scivolo in cemento vicino alla zona sguarnita (foto 1). Probabilmente anche la diga sofforta non svolge più pienamente il suo compito.

È urgente per ripristinare la funzionalità anche di quella cella che tecnici competenti facciano un sopralluogo e diano indicazione al Comune sui lavori che sono necessari

Vuol dire questo che si può stare tranquilli? Certo che no.

Ma non per le spiagge in ghiaia.

Sono i cambiamenti climatici che devono preoccupare chi ha a cuore il litorale, il fiume, la stessa città.

Le previsioni scientifiche più ottimistiche stimano, nel caso di riuscire a contenere al 2100 in 2°C l’incremento del riscaldamento globale, un aumento del livello del mare che va dai 25 ai 70cm. Ancora peggiori ovviamente le previsioni nel caso l’aumento di temperatura sia superiore.

Se si somma a questo la subsidenza che provoca l’abbassamento dei terreni ed il ridotto apporto sedimentario da parte del fiume si comprende che la priorità per il litorale è l’erosione della costa, sia oggi che in prospettiva.

Occorre un piano generale di lotta all’erosione che abbracci almeno la costa da Livorno a Viareggio, affidato ad esperti di livello internazionale, che sappiano individuare metodi innovativi di difesa, metodi che coniughino efficacia e salvaguardia del paesaggio, andando a ridisegnare l’interfaccia mare-terra.

In questo contesto appare inconcepibile la realizzazione della nuova darsena Europa in ampliamento del porto di Livorno.

Prodotto dei cambiamenti climatici è anche l’aumento della frequenza di fenomeni atmosferici estremi, come le piene fluviali, resi devastanti dall’innalzamento del livello del mare. In questo contesto appare preoccupante, anche per la sicurezza della città di Pisa, la grande quantità di manufatti fissi che ingombrano la Golena d’Arno. Essi peggiorano le condizioni di deflusso e compromettono il ruolo delle golene come luoghi naturalmente destinati al deflusso delle piene. L’apertura dell’Incile rende oggi possibile il trasferimento di almeno una parte dei rimessaggi sui Navicelli, anche per restituire alla fruibilità pubblica la Golena d’Arno, luogo di grande valenza turistica.

Pisa 27 febbraio 2020

Associazione ambientalista

LA CITTÀ ECOLOGICA

 

L’articolo uscito su Pisa24-Quotidiano on line

L’articolo pubblicato da Pisatoday il 28 febbraio 2020

L’articolo pubblicato su La Nazione di Pisa del 1 marzo 2020

Altri articoli in qualche modo collegati sempre sulla Nazione di Pisa del 1 marzo 2020

 

 

Link alla pagina LE SPIAGGE IN GHIAIA ESEMPIO NAZIONALE DI DIFESA ECOLOGICA, EFFICACE ED INNOVATIVA DELLA COSTA. CAMBIAMENTI CLIMATICI E INNALZAMENTO DEL MARE.