Tranvia a Pisa. Presentare i progetti per ambire ai finanziamenti.

Il 24 maggio il Ministero dei Trasporti ha prorogato al 31/12/2019 il termine per richiedere finanziamenti per il trasporto pubblico di massa con impianti fissi. Sono disponibili 1,3 miliardi di euro per finanziare prevalentemente tram. Mentre il Ministero concede ulteriore tempo per presentare i progetti, Firenze consolida la sua egemonia toscana nell’ambito del trasporto locale: il CIPE ha approvato la linea 4 dalla Leopolda – Le Piagge lunga 6 km, coperta con fondi nazionali pari a 166 milioni. Non basta: la Regione ha destinato 80 milioni per la realizzazione della linea 3.2 Piazza Libertà – Bagno a Ripoli e 2,4 per la progettazione delle linee verso Sesto Fiorentino e Campi Bisenzio. Come Associazione La Città Ecologica riteniamo che il Comune di Pisa debba utilizzare questa proroga per presentare un progetto di tramvia per il Litorale e uno di tram-treno che parta da Cascina/Pontedera per penetrare in città fin sui Lungarni senza rottura di carico. La mobilità in Pisa città è ormai troppo dipendente dalle sole automobili con tangibili problemi di inquinamento e di congestione. Solo un trasporto di grande capacità come il tram può dare una svolta. La vittoria del centro sinistra alle comunali di Firenze del mese scorso è dovuta anche agli ottimi risultati delle linee di tram già in esercizio e all’impegno a continuare su quella strada, senza le esitazioni, che nascondevano contrarietà, delle altre forze fiorentine in lizza, tuttora troppo autocentriche.

Associazione La Città ecologica

Pisa, 17 giugno 2019

-&-

Qui come è apparso su Pisatoday del 19 giugno 2019

-&-

Qui sotto sul Tirreno del 23 giugno 2019 in cronaca di Pisa

– & –

Anche la cronaca di Pisa della Nazione ci dedica spazio il 25 giugno 2019

 

Il Link all’articolo apparso su www.cascinanotizie.it

http://www.cascinanotizie.it/tra-sogno-e-realt%C3%A0-pisa-misura-di-tram?fbclid=IwAR3yMKxV1iYDf5O9Y_vNuENMS0kGEEjkEbyOlhzMW5ydTlWdtqZ7q8Ua24Y