VARIANTE STADIO – RIUNIONE DEI CITTADINI INTERESSATI

Proseguono i lavori della Prima Commissione Consiliare del Consiglio Comunale di Pisa per l’analisi delle controdeduzioni degli uffici alle Osservazioni presentate sulla Variante Stadio. A oggi sono state esaminate 20 Osservazioni, in ordine di presentazione. Tra quelle esaminate ci sono 11 delle 13 Osservazioni presentate da La Città ecologica da sola, più quella presentata insieme a FIAB e LEGAMBIENTE di Pisa. Non ci sono ancora le risposte definitive scritte che saranno presentate in una delibera che dovrà andare in Consiglio Comunale per l’approvazione. C’è solo un brogliaccio in cui sono annotate delle bozze di risposta. Sul sito dell’Associazione, al Link:…

La Città ecologica per il Litorale

Il mare e la costa, l’ambiente boscato e il sistema dunale sono le vere risorse del nostro litorale e vanno tutelate come un bene prezioso. Purtroppo i cambiamenti climatici in atto mettono a rischio queste risorse e arrivano a trasformare il mare in una minaccia per la costa e per gli insediamenti umani. Le previsioni scientifiche più ottimistiche stimano, nel caso di riuscire a contenere al 2100 in 2°C l’incremento del riscaldamento globale, un aumento del livello del mare che va dai 25 ai 70cm. Ancora peggiori ovviamente le previsioni nel caso l’aumento di temperatura sia superiore. Se si somma…

PUMS Piano Urbano per la Mobilità Sostenibile.

Partiamo da alcuni documenti. A Pisa è in fase di elaborazione il P.U.M.S. – Piano Urbano per la Mobilità Sostenibile. L’Associazione ha partecipato alla fase di consultazione e avanzerà proposte affinché la sostenibilità della mobilità non sia solo uno slogan ma porti a scelte che realmente puntino alla drastica riduzione di tutti i flussi di traffico veicolare che investono quotidianamente la città ed allo sviluppo della mobilità sostenibile e quindi pedonale, ciclabile, tranviaria. Cominciamo col pubblicare dei documenti che riteniamo utili per capire da che punto si parte: Deliberazione Della Giunta Comunale n. 188 del 9 novembre 2017 APPROVAZIONE “PIANO…

LA CITTÀ ECOLOGICA HA PRESENTATO LE SUE OSSERVAZIONI ALLA VARIANTE STADIO. UN GRAVE ERRORE MANTENERE LO STADIO A PORTA A LUCCA.

La Città ecologica, oltre all’Osservazione in 7 punti presentata insieme alle altre Associazioni ambientaliste FIAB e LEGAMBIENTE, ha presentato nei giorni scorsi proprie osservazioni. Sono 11 Osservazioni per complessivi 84 punti di contestazione dei documenti di Variante. Riguardano la scelta Urbanistica in sé e le motivazioni proposte per promuoverla, la classificazione urbanistica dell’intervento sullo Stadio, le previsioni degli interventi ammessi sullo stadio, i conteggi delle superfici sulla ex-scheda 10.1, la contestazione dei conteggi sugli standard urbanistici, il verde e le aree permeabili, i possibili effetti dei lavori sulla stabilità della Torre, le scelte e gli effetti sulla mobilità, gli effetti…

VARIANTE STADIO. Le Osservazioni presentate da FIAB, LEGAMBIENTE e La Città ecologica.

    La FIAB di Pisa, La Città ecologica e LEGAMBIENTE di Pisa, hanno presentato in data odierna le seguenti Osservazioni alla Variante in Oggetto. Il mantenimento (e potenziamento) dello stadio nel cuore di una zona densamente abitata e molto trafficata comporta delle serie criticità, in particolare per la mobilità cittadina. Questa trasformazione prevede che lo stadio venga utilizzato più frequentemente per eventi, inoltre le estese superfici commerciali previste (media distribuzione) generano traffico tutti i giorni della settimana. Al fine di evitare che i disagi per il quartiere, già oggi pesanti, diventino insostenibili, è indispensabile che questa variante si inserisca…

UNA PARTITA DA NON PERDERE – Assemblea delle Associazioni ambientaliste pisane sulla variante Stadio

FIAB, LEGAMBIENTE e LA CITTÀ ECOLOGICA, anche in vista della scadenza per la presentazione delle Osservazioni alla Variante, illustrano la loro posizione sul mantenimento dello stadio nella sua attuale posizione. La precedente presa di posizione unitaria La presa di posizione de La Città ecologica Scarica UN POSSIBILE MODELLO PER PRESENTAZIONE OSSERVAZIONI ALLA VARIANTE STADIO  

BENE IL TRAM. QUALE PERCORSO PER RISPONDERE AL BISOGNO DI MOBILITÀ?

La Città ecologica giudica positivamente la scelta del Comune di Pisa di partecipare al bando nazionale per il finanziamento dei trasporti rapidi di massa, con il progetto di una linea tranviaria in sede propria, in controtendenza rispetto a soluzioni palesemente errate e improduttive, come il People Mover. Auspichiamo che questa corretta scelta trasportistica sia supportata da un livello di progettazione adeguato, dal momento che la procedura di assegnazione dei finanziamenti è, a quanto ci risulta, molto selettiva e impegnativa, fin dalla documentazione e delle valutazioni di fattibilità richieste. La nuova linea tranviaria sull’asse Stazione ferroviaria–nuovo ospedale di Cisanello, almeno nella…

VARIANTE STADIO: UN GRAVE ERRORE

La Variante adottata dal C.C. muove secondo i suoi promotori da un presupposto “ambientalista”: non consumare terreno agricolo nel luogo (Ospedaletto) dove è attualmente prevista la realizzazione del nuovo stadio, secondo il Piano Strutturale del Comune di Pisa. La Città ecologica non crede che questo sia il vero motivo della variante. Ci poniamo una domanda: come mai il soggetto che propone di realizzare il nuovo stadio a Porta a Lucca non è disponibile a realizzarlo a Ospedaletto? Forse perché nel progetto si prevede una superficie commerciale di medie dimensioni di 3650mq di Sul, una superficie di “Somministrazione Alimenti e Bevande”…

PRIME CONSIDERAZIONI DELLE TRE ASSOCIAZIONI AMBIENTALISTE SULLA VARIANTE STADIO

        La “variante stadio” attualmente in discussione prevede di mantenere l’Arena Garibaldi nella sua attuale collocazione, raddoppiandone la capienza e inserendoci estesi spazi commerciali che saranno attivi anche durante la settimana. Questi cambiamenti impongono una radicale riorganizzazione della mobilità dell’intero quartiere per evitare che i disagi, già oggi pesanti, diventino insostenibili. La sfida più ardua non è tanto quella di creare nuovi parcheggi (ai margini dell’abitato vi sono ancora ampi spazi non edificati) quanto quella di riuscire a fermare le auto nei parcheggi scambiatori esterni al perimetro del quartiere. Infatti i disagi che i cittadini lamentano in…