RIFIUTI: SÌ ALLA TARIFFA PUNTUALE MA NESSUN ARRETRAMENTO SUL PORTA-A-PORTA.

L’assessore all’ambiente Bedini comunica che bisogna andare oltre la raccolta porta a porta, verso una tariffa puntuale per la raccolta dei rifiuti. Ogni famiglia pagherà non più in base ai componenti e ai metri quadri dell’abitazione ma in base al numero di persone che la formano e ai sacchetti conferiti. L’utente virtuoso è quello che già al momento dell’acquisto sceglie prodotti con il minor imballaggio possibile e che è attento a ridurre gli sprechi. Riducendo i rifiuti e differenziandoli al meglio la famiglia può ridurre la sua tassa sui rifiuti – TARI. Quello che non è chiaro dalle dichiarazioni dell’assessore…